MaremmEmotion 2018

MaremmEmotion 2018 sta per aver inizio!

Anche quest’anno ho aderito e sostenuto il progetto MaremmEmotion. Per chi non lo conoscesse, il progetto coinvolge un piccolo numero di agriturismi e strutture ricettive che insieme hanno deciso di regalare ai propri ospiti delle vere e proprie EMOZIONI.

In pratica, chi soggiorna in una delle strutture aderenti al progetto, potrà partecipare a una escursione accompagnato da una guida professionista  di Percorsi Etruschi gratuitamente per conoscere meglio la maremma.

Maggio e ottobre sono stati eletti come “mesi delle escursioni” per cui tutti i sabati e le domeniche, di questi due mesi, potete partecipare a una o più escursioni. Per iscriversi è sufficiente comunicarlo al momento della prenotazione del vostro soggiorno in agriturismo.

Ecco le date MaremmEmotion per il 2018, scegliete quella che più vi piace e affrettatevi a prenotare il vostro soggiorno:

  • 14 aprile: la fortezza a picco sul mare dell’Argentario
  • 15 aprile: Vulci tra storia e natura
  • 5 maggio: Il Parco della Maremma, la natura dà spettacolo
  • 6 maggio: Roselle, la città sul lago fantasma
  • 12 maggio: Maremmagica
  • 13 maggio: I misteri di Pitigliano
  • 19 maggio: l’antichissima città di Cosa
  • 20 maggio: Sorano e i Misteri delle vie cave
  • 26 maggio: Argentario tra Pirati e corsari
  • 27 maggio: Sovana dagli etruschi al medioevo
  • 22 settembre: Magliano tra mura e alberi secolari
  • 23 settembre: I misteri di Pitigliano
  • 6 ottobre: Il Parco della Maremma, la natura dà spettacolo
  • 7 ottobre: tra boschi e paesi etruschi
  • 13 ottobre: l’antichissima città di Cosa
  • 14 ottobre: Sovana dagli etruschi al medioevo
  • 20 ottobre: Argentario tra Pirati e corsari
  • 21 ottobre: Vulci tra storia e natura
Per qualsiasi altra informazione e dettaglio non esitate a contattarmi a info@poggiosassineri.com e se volete rimanere aggiornati vi consiglio di iscrivervi alla newsletter su www.poggiosassineri.com

MaremmEmotion 2017

Anche quest’anno abbiamo deciso di aderire al progetto MaremmEmotion e regalare ai miei clienti una serie di assaggi del territorio maremmano, accompagnati dalle guide professionali di Percorsi Etruschi, che vi faranno esplorare luoghi naturalmente suggestivi della Maremma, mettendo in gioco tutti i vostri sensi… un’esperienza da provare!

Per l’anno 2017 sono salite a DUE le escursioni guidate con guida professionista REGALATE a chiunque pernotti almeno una notte presso Poggio Sassineri: guardate il calendario 2017 MaremmEmotion!

Le escursioni sono facili e alla portata di tutti, vengono fatte in primavera e autunno per apprezzare i colori della Maremma e per godere del clima ideale per passeggiare e godere di panorami unici.
Le mete proposte sono 9 e si alternano durante l’anno.

Per poter accedere all’offerta è sufficiente chiamare al 3476840420 o scrivere una mail a info@poggiosassineri.com indicando la o le notti di pernottamento e l’escursione a cui volete aderire così che Chiara possa iscrivervi.

Calendario MaremmEmotion 2017

Qui di seguito l’elenco delle escursioni che vi offriamo:

  • 23 aprile MaremmMagica:Montiano
  • 24 aprile Tra pirati e corsari: Capo d’uomo
  • 29 aprile Vulci la grande:natura e storia
  • 30 aprile I misteri di Pigliano
  • 6 maggio A picco sul mare tra storia e natura: forte Filippo e Porto Ercole
  • 7 maggio L’antica città di Cosa
  • 20 maggio Magliano in Toscana:tra mura e alberi millenari
  • 21 maggio Sovana la città dei tufi
  • 3 giugno Magliano in Toscana:tra mura e alberi millenari
  • 4 giugno Tra pirati e corsari: Capo d’uomo
  • 17 giugno Sorano la piccola Cappadocia
  • 18 giugno A picco sul mare tra storia e natura: forte Filippo e Porto Ercole
  • 23 settembre Magliano in Toscana:tra mura e alberi millenari
  • 24 settembre Sorano la piccola Cappadocia
  • 7 ottobre I misteri di Pigliano
  • 8 ottobre Vulci la grande:natura e storia
  • 21 ottobre L’antica città di Cosa
  • 22  ottobre Tra pirati e corsari: Capo d’uomo

A voi la scelta!

Il mare in Maremma

La posizione dell’agriturismo Poggio Sassineri è centrale rispetto a molte delle bellezze Maremmane, infatti i nostri ospiti ogni giorno decidono cosa fare in vancanza: terme, borghi storici, parco naturale della Maremma, arte e/o mare.

Il Mare in Maremma

Il mare in questa stagione è una delle maggior attrattive. Si può scegliere la spiaggia con sabbia, attrezzata o libera, oppure avventurarsi tra le calette dell’argentario.

Se vi piace la sabbia, le spiagge che consiglio sempre sono quella della Feniglia e quella di Marina di Alberese. La prima è un parco naturale gestito dalla guardia Forestale in cui si possono incontrare i daini e avvicinarli per dargli da mangiare. Il tombolo della Feniglia è una pineta lunga 6 km che separa la laguna di Orbetello dal mare e ad ogni km c’è l’ingresso per la spiaggia non attrezzata. All’ingresso del parco si possono noleggiare le biciclette ed è l’ideale sia per grandi che per piccini. Marina di Alberese, invece, si trova entro il Parco Naturale della Maremma. È una spiaggia non attrezzata e per raggiungerla si possono noleggiare le biciclette al punto informazioni del parco e percorrere una pista ciclabile di circa 7 km in piano oppure attendere il bus navetta che fa la spola parcheggio-spiaggia. Qui, se si è fortunati, si può avere un incontro ravvicinato con la volpe che cerca qualcosa da mangiare e si avvicina all’uomo senza paura.

Se invece siete un amante della roccia, le calette che circondano il monte argentario non sono da perdere. Per raggiungere le calette consiglio una scarpa chiusa perché bisogna camminare anche 30/40 minuti su sentieri a volte non semplici per arrivare alla spiaggia. Una volta arrivati potrete godere di un mare stupendo. Non tutte le calette sono attrezzate con ombrelloni, ma anche questo ha il suo fascino. Per raggiungerle bisogna prendere la “panoramica” da Porto Santo Stefano e in ordine, tra le più conosciute, incontrerete: Caciarella, Cala Grande, Cala di Gesso, Scorpacciate; mar Morto e Cannelle . Mentre se prendete la strada che gira il monte da Porto Ercole potete raggiungere: Le viste, Spiaggia Lunga e Acqua Dolce.

 

 

 

Magliano in Toscana, la storia

Iniziamo la nostra carrellata sulle cose da visitare nei dintorni, da Magliano in Toscana, essendo il nostro agriturismo in questo bel comune.

Magliano in Toscana

Il centro storico di Magliano in Toscana, sorge sulla sommità di una collina, in mezzo agli olivi, a 128 metri sul l.m., circondato dalle poderose mura medioevali, ben conservate e in parte ristrutturate. Nelle campagne vicine, numerosi i resti delle antiche civiltà Etrusca e Romana.

Infatti nel territorio su cui sorge Magliano in Toscana abbiamo importati tracce delle necropoli e degli antichi centri di Kalousion e Heba. La città di Heba, dai ritrovamenti archeologici, sembra che sorgesse presso l’attuale località “le Sassaie” lungo la strada provinciale Sant’Andrea. Non esiste attualmente un sito da visitare, i due ritrovamenti più importanti sono un cippo in travertino del II sec. d.C. che si trova nel Palazzo Comunale di Magliano, e una tavola di bronzo (Tabula Hebana) del 20 d.C. con il testo di una delibera romana in merito agli onori funebri da tributare  a Germanico (nipote dell’imperatore Tiberio) che si trova nel Museo Archeologico di Grosseto.

Il paese assunse una certa importanza quando gli Aldobardechi di Sovana, intorno all’anno mille, vi fecero costruire la cinta muraria. Sempre nel periodo aldobardesco (1100-1200) vennero costruite le chiese di San Martino e San Bruzio. Circa due secoli più tardi, Magliano in Toscana passò sotto il dominio di Siena e vennero aggiunti alle mura dei possenti torrioni che potrebbero portare la firma del Vecchietta o di un suo allievo. Sia le mura che i torrioni sono stati oggetto di un attento restauro ed oggi si possono ammirare in tutta la loro bellezza. Nel 1555, dopo la caduta di Siena ad opera degli spagnoli, il paese venne ceduto ai Medici e amministrato come feudo dal granducato di Toscana. In seguito alla legge di abolizione dei feudi granducali, la storia del paese andò di pari passo con quella del granducato di Toscana prima e dell’Italia poi.

A Magliano in Toscana sono molte le cose da vedere. Qui di seguito ve ne riporto alcune e se vi interessa nei prossimi articoli passerò a descriverli un po’ più in dettaglio:

LE MURA

CHIESA DI SAN MARTINO

PALAZZO DI GIUSTIZIA E PALAZZO DEL PODESTA’

CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA

PALAZZO DI CHECCO BELLO

CHIESA DELLA SS. ANNUNZIATA

L’OLIVO DELLA STREGA

LA CANONICA DI SAN BRUZIO